Valerio Agricola | Valerio Agricola
40396
page-template-default,page,page-id-40396,qode-core-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,capri-ver-1.9, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,fade_push_text_top,transparent_content,grid_1300,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Valerio Agricola

Valerio Agricola nasce ad Ischitella (Fg) nel 1986 dove vive fino alla conclusione degli studi superiori. Ad Urbino studia Informatica, ma ben presto abbandona l’Università per iscriversi all’Accademia delle Belle Arti di Foggia, sezione Scenografia. In seguito si trasferisce in Molise dove per qualche anno, attratto dal valore maieutico della terra, sperimenta, assieme agli studi di Scenografia, la necessità di una attività pastorale che lo porta a vivere dentro ai modelli di vita campestre e a contatto con antichi usi e tradizioni che formeranno in maniera determinante la sua anima poetica. E’ in questo periodo che il suo incessante desiderio di comprendere la realtà attraverso strumenti idonei alla sua più esplicita manifestazione, lo porta a scoprire la fotografia quale ulteriore mezzo capace di esprimere la sua creatività. Il contatto costante con la sua terra d’origine e le sue radici lo portano nuovamente ad interessarsi del suo territorio quel Garganus Mons dove attualmente opera e che è stato oggetto di una sua recente mostra fotografica. Si considera un indagatore della realtà che legge,scruta e interpreta attraverso le pieghe delle vicende umane. La poesia è la sua anima e la sua anima si svela attraverso la scrittura con cui esprime se stesso dall’età di quindici anni. La poesia è sogno, immaginazione e anche finzione. Talvolta si finge di essere altro per dire ciò che veramente si sente e la costruzione di una poesia è molto simile alla costruzione di una scenografia in quanto entrambe devono rappresentare una realtà o un evento attraverso il gioco della finzione e dell’immaginazione.